logo di stampa italiano
 

Lettera dell'Amministratore Delegato

Maurizio Chiarini

Anche quest’anno, per il secondo consecutivo, il Bilancio di Sostenibilità viene presentato all’Assemblea degli azionisti assieme al Bilancio di Esercizio: questo anche per ribadire che il Bilancio di Sostenibilità è uno strumento per la gestione dell’azienda, al pari del Bilancio di Esercizio.

Il Bilancio di Sostenibilità è stato costruito per rispondere alle aspettative di tutti gli stakeholder dell’azienda: le varie sezioni presentano i progetti, gli indicatori, i risultati, le attività di coinvolgimento per ogni singola categoria di interlocutori. In ognuna di esse, inoltre, vengono presentati gli obiettivi dichiarati nel bilancio precedente, i risultati raggiunti e gli obiettivi per i prossimi anni.

Questo è un metodo di lavoro che abbiamo adottato da qualche anno per enfatizzare il fatto che il nostro Gruppo, oltre a raggiungere gli obiettivi di carattere economico ha, fra le proprie priorità strategiche, la necessità di raggiungere risultati che hanno a che fare con la qualità del servizio e più in generale con l’attenzione ai temi relativi alla sostenibilità.

A ulteriore conferma di questo approccio, molti degli obiettivi collegati alla sostenibilità e riportati in questo Bilancio sono integrati nel sistema di incentivazione, a tutti i livelli.

Mi preme sottolineare un ulteriore aspetto di questo Bilancio che trovo particolarmente interessante.  In molti casi, i risultati raggiunti da Hera sono confrontati con gli obblighi previsti dalle leggi, con gli standard previsti dagli Enti regolatori oppure con i risultati di altre aziende.

In questo modo poniamo i nostri interlocutori nella condizione non solo di sapere se raggiungiamo gli obiettivi che ci siamo dati ma anche di confrontare i nostri risultati con quelli dei principali competitors.

In particolare da una ricerca condotta dall’Ufficio Studi di Mediobanca che ha confrontato i risultati delle più importanti multiutilities italiane, Hera è risultata la migliore sotto molti punti di vista: investimenti nel settore idrico e ambientale, dispersioni della rete gas, tempestività di intervento in casi di problemi alla rete gas, tempi di attesa al call center.

Tutto questo significa che gli investimenti fatti in questi anni nei vari settori in cui l’azienda opera hanno prodotto risultati positivi non solo per gli azionisti, ma anche per i clienti e più in generale per il territorio.

Maurizio Chiarini
Amministratore Delegato